#TVB #grz #cmq #nn bn #msg…

scuole IMG_1176scuole IMG_1570scuole IMG_0896.JPGTutto cambia, anche il linguaggio, il modo di comunicare: tutto è diventato veloce e sintetico tanto che spesso nei messaggini (sms) non si scrivono più le parole per intero ma solo abbreviazioni e questo vale soprattutto per i giovani. Noi ce ne accorgiamo eccome insegnando nelle scuole: lavorare con classi di ragazzi di tutte le età  è sempre un grande stimolo perché ci porta a confrontarci e rinnovare la chiave con cui insegnare e comunicare, ritararci in base ai nuovi linguaggi dettati non solo dalla moda e dalla società ma anche dalla cultura giovanile.

Le nuove generazioni preferiscono comunicare con Instagram, Snapchat e WhatsApp (segue Facebook ma non fra i teenagers).

Il successo dei social network e, di instagram in particolare, la dice lunga su come il sinonimo di un messaggio, di un contenuto sia l’immagine: l’immagine è diventato il mezzo di comunicazione più utilizzato, capito e guardato. Attraverso un selfie, uno scatto, una storia i ragazzi si raccontano agli altri e vengono “seguiti”…

Per questo partiamo spesso dall’immagine e dalla sua importanza in classe: chi meglio può capire questo? Anche se persino ragazzi così allenati a comunicare con l’immagine sui social hanno ancora pochi strumenti per fare una buona lettura di un’immagine, per cogliere quegli elementi utili a decodificare ciò che vedono (e prima ancora ad esser sicuri di cosa stanno dicendo con l’immagine per non correre il rischio di essere fraintesi).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...